Crea sito
Pagina 1 di 1

Cenerentola - direttaTorino

MessaggioInviato: 31/05/2012, 19:05
da Tuttiallopera


RAI Radiotelevisione Italiana
Presenta

CENERENTOLA

Una Favola in Diretta
Domenica 3 Giugno
Ore 20.30 e poi 23.30
Lunedì 4 Giugno
Ore 20.30

Immagine
Una produzione Rada Film in associazione con Rai


Musica
GIOACCHINO ROSSINI


Libretto
Jacopo Ferretti

[centrato] Lena Belkina (Cenerentola),
Edgardo Rocha (Don Ramiro),
Annunziata Vestri (Tisbe),
Anna Kasyan (Clorinda),
Carlo Lepore (Don Magnifico),
Simone Alberghini (Dandini)
Lorenzo Regazzo (Alidoro)


Orchestra Sinfonica della Rai - Torino
Il Coro Maghini verrà diretto da Emanuela Di Pietro


Animazioni
Annalisa Corsi e Maurizio Forestieri

Danze su musiche di Rossini a cura di P. Gossett
Balletto dell'Esperia diretto da Paolo Mohovich

Ideato e prodotto da
Andrea Andermann

Un film diretto da
Carlo Verdone

Direttore d’orchestra
Gianluigi Gelmetti

Direttore Fotografia
Ennio Guarnieri


Regia televisiva
Pierre Cavassilas






Immagine

Nella straordinaria e sontuosa cornice della “Corona di delizie sabaude” rivivranno le fiabesche atmosfere della Cenerentola di Rossini, quarto appuntamento con “La via della musica”, un progetto nato vent’anni fa, nel 1992, ideato e prodotto da Andrea Andermann che, con la Rai, ha portato in mondovisione, attraverso il rivoluzionario format del “Film in diretta”, i grandi capolavori del genio musicale italiano. Dopo lo straordinario successo di ascolti e critica di “Tosca nei luoghi e nelle ore di Tosca”, de “La Traviata à Paris” e del “Rigoletto a Mantova”, con “Cenerentola, una favola in diretta” si rinnova, ancora una volta, l’esclusiva collaborazione tra Rai e Rada Film. Uno spettacolo-evento omaggio al celebre compositore pesarese e alla sua Cenerentola, riproposta al grande pubblico in tutta la sua suggestiva magia di Favola, di opera popolare e di Commedia italiana attraverso la direzione e la personale rilettura di Carlo Verdone. Firma la cinematografia Ennio Guarnieri. Le musiche di Rossini prenderanno vita grazie ai 64 elementi dell’Orchestra Sinfonica Nazionale Rai diretta dal maestro Gianluigi Gelmetti. In onda su Rai1 e trasmesso in mondovisione, domenica 3 in due momenti, alle 20.30 e alle 23.30, e lunedì 4 giugno alle 20.30.

Un appuntamento che si annuncia come una grande ed entusiasmante sfida audiovisiva. La Rai metterà in campo, come già sperimentato con successo nei tre appuntamenti precedenti, la più sofisticata tecnologia ad alta definizione e il suo straordinario patrimonio di professionalità. Le riprese audio e video della “favola in diretta” saranno effettuate interamente dalla Rai. Nello specifico, le riprese video in HD saranno a cura della Direzione Produzione Tv, mentre le riprese audio in digitale saranno a cura della Direzione RadioRai. Un impegno autoriale capace di offrire una qualità di immagine e suono impareggiabile anche in condizioni particolarmente complesse che consentirà di esportare nel mondo la grande creatività italiana.

Su un palcoscenico di arte e storia unico al mondo (da Palazzo Reale di Torino al Parco Regionale La Mandria, da Villa dei Laghi alla Palazzina di caccia di Stupinigi), si animerà, grazie ad un impegno tecnico e artistico di straordinario pregio, la versione in melodramma di una favola tra le più conosciute e amate al mondo, riprodotta in oltre 850 versioni. Una storia, quella della celebre figliastra e della scarpetta di cristallo, che rappresenta l’esaltazione del perdono, della bontà e dell’umiltà d’animo che vince sull’arroganza e sulla superbia. E’ la vita che ripaga, con amore e ricchezza, la giovane e bellissima Cenerentola, una creatura dolce, generosa e incapace di vendetta, vittima delle continue vessazioni e della cattiveria delle perfide sorellastre Clorinda e Tisbe e del patrigno don Magnifico. Nella versione sinfonica al lieto fine non si giungerà grazie alla bacchetta magica della fatina buona, ma attraverso il buonsenso e alla “ragione” di Alidoro, fidato precettore del principe don Ramiro. Cenerentola, una favola in diretta, un grande evento culturale che porterà in tutti gli angoli del mondo il meglio della musica, della commedia, del melodramma e, per la prima volta, anche dell’animazione italiana. Il film, infatti, sarà arricchito da alcuni splendidi inserti d’animazione realizzati da Rai Fiction e Rada Film e curati dall’illustratrice romana Annalisa Corsi, che lavorando su inquadrature reali e con disegni di particolare raffinatezza, restituirà allo spettacolo televisivo quell’incanto e quell’emozione fiabesca che tanto piacciono a grandi e piccini.

Impegno per la RadioRai


“L’impegno di Radio RAI nella realizzazione delle produzioni di Andrea Andermann è da sempre garanzia di una ripresa audio di elevato livello qualitativo. Con la prima produzione di Tosca a Roma nel 1992, - afferma il Direttore di Radio RAI, Bruno Socillo – proseguendo poi negli anni con la Traviata a Parigi nel 2000 e il Rigoletto del 2010 a Mantova, con Cenerentola in diretta su Rai1 e in Mondovisione il 3 e 4 Giugno Radio RAI offre ancora una volta tutta l’esperienza professionale del proprio staff tecnico, mettendo in campo il più alto livello di aggiornamento tecnologico dei suoi impianti.”

Infatti, per la messa in onda di questo vero e proprio film, l’equipe tecnica di Radio RAI provvederà per la prima volta alla presa diretta degli effetti, la diffusione e il monitoraggio dei cantanti e del coro, tutti in movimento sui tre set di Villa dei Laghi, Stupinigi e Palazzo Reale, ed il monitoraggio per il Maestro Gianluigi Gelmetti che dirigerà l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI dall'Auditorium RAI "Arturo Toscanini" di Torino.

Inoltre, le voci dei sette interpreti saranno riprese posizionando tra i capelli una coppia di microfoni miniaturizzati e via radio, con 56 canali ricevitori audio, verranno miscelate e bilanciate da ognuna delle tre regie finali con i numerosi microfoni installati per la ripresa del coro e degli effetti e con il mix proveniente dall'orchestra. Su ognuno dei tre set verranno posizionati 50 piccoli monitor audio, che diffonderanno il suono dell'orchestra come linea guida musicale per i cantanti ed il coro. Allo stesso tempo, il Direttore ed i musicisti potranno seguire e guidare dall' Auditorium quanto avviene in diretta sui vari palcoscenici naturali tramite il monitoraggio delle sole voci proveniente dai set.

Un’imponente operazione di Progettazione, Sviluppo, Installazione, Ripresa e Registrazione, eseguita con sinergia ed estrema abilità per offrire la migliore ripresa audio di alta qualità.

“La Cenerentola di Andermann è una grande iniziativa culturale che conferma ancora una volta l’alto livello di creatività artistica e tecnica della Rai. Questo - conclude Socillo - è l’elemento qualificante della rappresentazione di Cenerentola e Radio RAI non poteva che investire tutto il proprio impegno e determinazione per produrre un audio di massima qualità, che emozioni ciascun telespettatore e lo conduca in una moderna favola sonora”.

Re: Cenerentola - direttaTorino

MessaggioInviato: 31/05/2012, 19:35
da Tuttiallopera
C'è un errore terminologico.

Cenerentola (nella versione lirica di Ferretti-Rossini) non è una favola, ma una fiaba xlinguaccia
Le favole mescolano elementi reali con elementi fantastici-magici, mentre le fiabe ripropongono contesti realistici xfischia
Nella Cenerentola lirica non c'è nè fatina nè zucche nè topini ...

Non finiscono qui le perplessità xlinguaccia

C'è una perplessità TempoOpera xlinguaccia


l'opera è distinta in due atti - il primo si svolge entro la casa-Cenerentola.. (e dura intorno a 90 minuti)
il secondo è distint in due "luoghi" , prima all'esterno ... e poi entro il palazzoprincipe (e dura intorno ai 60 minuti)
Sommando i tempi, si ottiene due ore e mezzo d'opera, mentre la messa in onda prevista è di due ore scarse, quindi s'evince che faranno circa mezzora di "tagli" e non voglio neanche scervellarmi su Cosa taglieranno xpicchio

Inoltre, è inspiegabile la suddivisione temporale tra prima e seconda serata...Nn si capisce perchè non concentrare in unica ripresa il primo atto (dalle 20.30 alle 22 circa) visto che si svolge entro la medesima casa-Cenerentola xlinguaccia
Il Timore-tagli fa pensare che sia stato dimezzat il primo atto a nemmen un'ora e che le due scene del second'atto siano state suddivise tra la tarda serata di domenica e la prima serata del lunedì xnoia

Altra perplessità, il segreto sul Cast canoro è stato sciolto solo oggi ...ad un paio di giorni dallo show.
Cos'è: superstizione? Incertezza Cast effettivo? Altri si/no forse, non so che si sono poi sciolti solo pochi giorni fa?
Assenza, nel cast di "Stellone prima grandess"?

Aspettiamo a martedì per dirlo con cognizione di causa :director xsoddisfatta

Il fatto che il cast canoro non è composto da "nomi affermati" nè da vecchi lupi de mare (come Doming-Raimondi del Rigoletto di du' anni fa...entrambi fuori rruolo con tutto ciò che ciò comportò) potrebbe essere un pregio....se i suddetti neo-video cantanti avranno il mix adatto al canto rossiniano (che non è certo dei più semplici-immediati xdormire ).

Bon, non prendo il turbante prima della pioggia, sperando di non doverlo srotolare troppo lunedì sera....
adelante, con judisssio :scrivocorreggo

Re: Cenerentola - direttaTorino

MessaggioInviato: 02/06/2012, 11:14
da controfagotto
Immagine


Cercavo online qualche pre-ascolto dei cantanti in questione e mi sono annoiato dopo la quarta nota xconfuso . Inoltre, la protagonista si può ascoltare solo in repertorio barocco (Handel etc) che tende al malinconico. Non so se per un'opera-commedia rossiniana abbia la duttilità e la recitazione...
Confermo poi i tuoi dubbi sui tagli e tempi, visto che è previsto anche l'innesto di Balli che in quell'opera non ci sono, per "evocazione ballo-fiaba" o per inserire qualche valzerone proto-Gattopardo?
Questo vuol dire che taglieranno dallo spartito e non so perchè temo sia qualche concertato ad essere sacrificato, visto la difficoltà tecnica di cantare in un posto e suonare in un altro e allora preventivamente ho pensato di inserire qui "il nodo avviluppato" non sia mai che sia questo uno dei possibili tagli-scena xespulso




Cast:
Angelina: Giulietta Simionato
Ramiro: Ugo Benelli
Dandini: Sesto Bruscantini
Don Magnifico: Paolo Montarsolo
Clorinda: Dora Carral
Tisbe: Miti Truccato Pace
Direttore: Oliviero de Fabritiis

Re: Cenerentola - direttaTorino

MessaggioInviato: 05/06/2012, 13:08
da Tuttiallopera
Scriverne..o non scriverne?

Meglio scriverne, non fosse altro che per fissare qualcosa in memoria xpc

Prima i "punti pro" :scrivocorreggo
- Non aver citato in alcun modo il librettista dell'opera (Ferretti ) xsereni, così da non esser perseguitati dal fantasmino suo, visti i tagli e le "re-intromissioni" degli elementi favolistici che egli tralasciò (Alidoro che diventa la vecchina fatina, topini e zucche-carrozze, la fuga de mezzanotte, la scarpina vetrata etc etc etc).
- I disegni -animazione inseriti come incipit/video durante la sinfonia introduttiva
- la recitazione delle due sorellastre, entrambe "in ruolo" xok
- Aver usato la "tappezzeria tinta unita" verdone-velluto per gli abiti di scena di : Ramino (1o atto), Dandini (2o atto), Sorellastre (entrambe gemellarmente abbigliate in verdone per la scena - finale) xattento
- L'errore di sincrono tra labbra-cantanti e audio che ha tagliato la testa al torero sulla presunta "ripresa audio-video diretta"...così non ci pensiamo più: era playback e fatevene una regione xnoia ...ci fosse stato dubbio, basta cronometrare il tempo intercorso nella 3a parte tra gli agghindamenti - cantanti (abiti et acconciatura-trucco della sposa ..) in casa Cenerentola prima e in Sala trono dopo qualche minuto....sempre per togliere i dilemmi sulla presunta "ripresa audio-video diretta).

ho finito xnoia

Poi i "punti contro"

Prima quelli inerenti all'opera :scrivocorreggo
- Avessero scritto "liberamente tratta dalla "Cenerentola" di Rossini" mi avrebbero tolto dall'impiccio di scrivere le prossime righe xsorpresa
_ Eliminare i recitativi (Tutti) da una opera significa impedire allo spettatore di seguire passo passo la trama ...non sono mere perdite di tempo per far riposare orchestrali e cantanti :scrivocorreggo
_ Eliminare il duetto pre-finale Don Magnifico-Dandini è un colpo al cuore (almeno al mio xpicchio ) perchè quel duetto è una vera chicca comico-musicale giocata poi da due registri-bassi che in genere all'opera melodrammatica si useranno per scene cruente/litigiose..mentre là sullo svelamento vera identità di Dandini il cameriere quei suoni gravi sono ribaltati per leggerezza ed ironia. Penna bbbbbbbbbbbbbluuuuu sottolineatissima xlinguaccia
_ le Danze : ma in quale volume spolverato hanno trovato quella coreografia coi semi-capitomboli dei danzanti da un lato e le sottogonne al polpaccio delle madamine? E...non c'era altro entro la stessa "Cenerentola" per far da sottofondo musicale all'animazione - carinissima quella - che precede la scena finale matrimonio in sala-trono? Bisognava ricorrere alla arcinota "overture Gazzaladra", giusto per fare un purè pret-a-porter per l'ascoltatore distratto xdormire
_ Il rondò finale "Non più mesta" eseguito a 3 km orari (lentissimo) con la cantante che sembra passeggiare in tardo pomeriggio appena uscita dal centro benessere xsorpresa (altra prova, ce ne fosse bisogno che quell'udito non era "live") ma pre-registrato o pre-montato o pre-cotto, fate comm ve pare xdormire
_Vogliamo dire tre parole sui costumi? Tint'unite di tutt'il mondo, unitevi xdormire
_ Vogliam dire una parola sulle luci? Eccessivamente "sparate" nell'ambiente domestico-cucina (es. potevano utilizzare lo spazio aperto..un cortile/aia per es. visto che l'orario era "imbrunire") e non c'era l'esigenza canto-live ...come già indicato xnoia
Vogliamo dire due parole sui movimenti-recitazione? Statue di cera, più volte nei duetti essi cantavano guardando l'indistinto punto dell'infinito (come si fa a teatro dovendo dare il viso in favore-platea)...e l'assoluta assenza di qualsivoglia tratto distintivo di "vividezza/canto" (ampiezza apertura boccuccia o rossore per distribuzione/trattenimento fiato...)..niente...dei magnifici bambolotti xdormire
La Regia? Impegno profuso per inserire nell'opera musicale quanto gli autori (Rossini/Ferretti) avevano scelto di tener fuori, come se si dovesse musicare il cartone disney di Cinderella e ci si dovesse uniformare alla "Favola" anzicchè alla "FIABA MUSICALE". Nessun uso degli "esterni" delle ore :scrivocorreggo ...solo na porta esterna aperta a far intravedere che "FORSE" era l'ora vesprina.....ma di sfuggita eh..

Le riprese ad es. nella sala-trono non hanno per es. consentito di apprezzare totalmente la bellezza di quella sala, avendo scelto di schierarsi su una sola parete - come se le altre fossero "nn agibili"..per la ripresa potevano utilizzare non postazioni-fisse cameraman (stile studio tv) ma ad es posizione videocamere ad altra altezza..o usare uno di quei robottini scorrevoli che si vedono ad es. nelle gare atletica..insomma potevano "riprendere la diretta in modo diretto" e non come se si fosse seduti in poltrona di fronte a sposa e companatici vari.

Altra cosa....nessuna finestra ..manco di sfuggita per intravedere l'orchestra ...(così ci teniamo il dubbio amletico se suonavano live o c'era il san playback...)..visto che era diretta potevano , nei momenti introduttivo-arie solo musicali fare capolino all'Auditorium,...sempre se là al contempo c'era chi suonava sul serio.

Chiudo con la presunta suddivisione delle "ore". Ignoro perchè abbiano scelto di programmare tra dom. e lunedì xsport ..nè perchè abbiano scelto la prima domenica di giugno xsoddisfatta
Avrebbero potuto ...Es. scegliere il week-end precedente (no partite di calcio et altro..) e distribuire tra la serata di sabato (1o atto)...pre-serale domenicale (2o atto- tranne finale)..prima serata domenica (solo finale).

Chiudo legando questa con le precedenti "Andermann show" ..cioè Traviata,Tosca, Rigoletto.
Posto che l'operazione di far uscire l'opera dai confini-teatro è qualcosa che secondo me merita assoluto rispetto proprio perchè questa forma d'arte ha più che mai bisogno di esser veicolata "oltre il luogo" in tempi di DVD, Internet, etc etc, il limite che in queste operazioni video-tv si è più volte superato è quello di confinare al ruolo di "comprimario secondario" all'opera stessa..tagliando da un canto e assegnando ruoli "fuoriruolo" (cito Rigoletto-Domingo così ci capiam al volo).
Questo modo di porsi secondo me smorza , semmai fosse quello il motore, l'intento divulgativo di mettere l'opera in tv generalista e in prima serata. Dalla Cenerentola, de-rossinizzata quanto basta, è davvero difficile che chi non ne avesse mai sentito note si "interessi" attivando curiosità da spettatore.
Un'ultima cosa, poi finisco: convocare esperti registi-cinematografici (Bellocchio o Verdone o Y o K) per combinare linguaggio visivo cinematografico e Opera , senza i confini-limiti del palcoscenico può andar bene....a un patto: che gli esperti "CONOSCANO" il menu che vann a preparare e non scompaginino gli ingredienti in modo che manco lo stesso autore-librettista riconoscerebbe l'impronta propria.
Ferretti ringrazia sentitamente di non esser stato nemmanco evocato xveditv